Indonesia primi giorni

08.03.2016 Yogyakarta

Un caldo umido e soffocante ha smorzato il mio entusiasmo dalle prime ore. Letteralmente catapultato da Cuba, con 4 voli e più di 20 ore di volo mi ritrovo in un paese completamente diverso, Indonesia.

Caos, inquinamento, traffico,odori pungenti, spezie e colori. Non ho praticamente dormito tutto il viaggio, nel tardo pomeriggio dopo aver trovato alloggio mi distendo nel letto di un hostal nella zona vecchia di Jakarta. Mi risveglio completamente fuori dal tempo. Apro gli occhi e non realizzo dove sono, ho dormito profondamente, tanto che fuori è scuro e silenzio, non so l’ora, il cellulare si é perso quanto me con i fusi orari, non capisco che giorno è, forse ho riposato per più di 24 ore? Esco dalla camera e con sguardo stralunato chiedo ad una ragazza olandese in corridoio “che ore sono?”

20160306123014

“la una mi dice”, “di che giorno?” replico, mi guarda strana, Sabato. Mi sento un pò Martin MC Fly in Ritorno al futuro. Ho dormito solo 6 ore ma mi sembra di aver riposato giorni. Passo la notte al PC fino alle 5.30, dopo due ore sono di nuovo in piedi.

Jakarta è stato un punto di passaggio obbligato per inizare a scendere l isola. Decido di spostarmi nel modo più lento ma più affascinante, il treno. Viaggio in compagnia di un canadese con il quale arriviamo a Yogyakarta, il tipo é un pò sul nervoso quando gesticola e si lamenta spesso, spero di liberarmene presto.
Yogiakarta é il posto dove puoi passeggiare per un ora nella via principale Maliboro St.e vedere per un ora sempre le medesime cose nelle interminabili bancarelle, ma sempre le stesse!
Qui però si viene per visitare il tempio Prambanan,il tempio Boroduru, e salire sul vulcano attivo Merapi.
Sono le sei di sera, dalla moschea esce il canto per l’ora della preghiera, la maggioranza della popolazione é musulmana, che convive con altre cinque religioni, tra cui cattolicesimo,buddhismo,induismo. La popolazione é pacifica, ho trovato per ora persone disponibili e gentili, la vita é economica, si mangia con un paio di dollari e si dorme in una stanza solo per otto-dieci. La situazione igienica non é delle migliori, ed anche se cerchi di avere tutte le cautele non sei mai ….
Sono le sei e quindici, disteso nel mio letto aspetto la temperatura che salga, mi duole la schiena e le ossa delle gambe, la fronte comincia a scaldarsi, inizio con una intossicazione alimentare la mia prima settimana in Asia.
Fuori tuona e piove.

Torna alla pagina precendente

Comments are closed.

Translate »